Radiomicrofoni: Nozioni di base

I microfoni convezionali a cavo convertono il suono in un segnale elettrico che viene trasmesso all’impianto audio tramite un cavo. I palchi per la musica dal vivo ingombrati con cavi microfonici per le voci, le chitarre, la batteria e gli altri strumenti si trasformano velocemente in una sorta di piatto di spaghetti o di fossa di serpenti composta di cavi aggrovigliati che limitano la libertà di movimento sul palco.

I sistemi radiomicrofonici convertono i segnali audio provenienti dalle capsule microfoniche in segnali radio. Questi ultimi vengono trasmessi dal trasmettitore tramite l’etere al ricevitore e, successivamente, all’impianto d’amplificazione. Eliminano la necessità di avere cavi, liberando l’utente dal tradizionale guinzaglio che che lo lega all’impianto e dall’ingombro dei cavi tra i piedi sul palco.

Con il continuo sviluppo e il miglioramento della qualità audio e dell’affidabilità, i sistemi radiomicrofonici sono sempre più accessibili e diffusi. Il loro potenziale si estende molto al di là del contesto del palco. Si trovano radiomicrofoni nelle palestre, nelle scuole, nei luoghi di culto – ovunque possano essere utili alla libertà di movimento di un performer o di un presentatore.

Quali componenti servono per utilizzare un sistema radiomicrofonico?

Un sistema radio comprende due elementi di base:

  1. Trasmettitore
  2. Mic/Cavo
  3. Ricevitore

Il suono viene principalmente influenzato dalla capsule microfonica. Il sistema di trasmissione non dovrebbe avere un effetto sul suono.

1.) Trasmettitore


Ci sono, essenzialmente , due tipi di trasmettitori: palmare e bodypack; che trasmettono il suono, senza cavi, ad un ricevitore radiomicrofonico collocato alla console di mixaggio:




Trasmettitore Palmare

Il trasmettitore palmare incorpora il trasmettitore nell’impugnatura del microfono, perciò entrambe le funzioni sono contenute nella stessa unità.

Tutti i sistemi radiomicrofonici Shure offrono capsule microfoniche intercambiabili, permettendo all’utente di scegliere il microfono migliore per l’utilizzo che intendono farne.




Trasmettitore Bodypack

Al trasmettitore bodypack vengono collegati microfoni lavalier, headset o per strumenti, oltre ai cavi per chitarra elettrica, per trasmetterne i segnali audio. I trasmettitori bodypack leggeri e compatti si possono facilmente attaccare agli abiti, alla cintura o alla cinghia di una chitarra.

2.) Microfoni / Cavi


pg30_8_cols



Headset: (Microfoni per voce da indossare sulla testa)

I microfoni headset sono robusti, comodi, facili da posizionare e forniscono una ripresa superiore della voce dell’utente in movimento.

PG185 Lavalier Microphone



Microfoni lavalier per voce

Disponibili in un’ampia varietà di dimensioni, questi microfoni combinano una qualità audio elevata con un ridotto ingombro visivo. Forniscono un suono pieno e nitido nella ripresa della voce sia nel parlato che nel cantato.




Microfoni per strumenti a morsetto

Una soluzione versatile per i fiati, gli ottoni e le percussioni che emettono volumi elevati. Un morsetto e un collo d’oca assicurano un posizionamento sicuro.

WA302 Guitar Cable



Sistema radio per chitarra (Cavo per chitarra o basso)

Connette qualsiasi chitarra o basso elettrico al trasmettitore bodypack per permettere di eliminare il cablaggio.

3.) Ricevitore





Il ricevitore demodula ed elabora il segnale trasmesso da un trasmettitore bodypack o palmare e lo converte in un segnale elettrico. Questo segnale viene poi trasmesso tramite un cavo all’amplificatore o alla console di mixaggio.




INFO: Ricevitori “Diversity”:

I ricevitori radiomicrofonici “diversity” (a diversità) incorporano due antenne per consentire una ricezione più sicura. Se il segnale radio subisce un calo di potenza o diventa rumoroso su un’antenna, il ricevitore commuta l’ingresso alla seconda antenna, evitando così perdite di segnale e disturbi. Tutti i sistemi radiomicrofonici Shure utilizzano la ricezione in diversità per massimizzare l’affidabilità rispetto ai sistemi con una singola antenna.

 

Che cos’è la trasmissione radio?

Ogni sistema radiomicrofonico trasmette e riceve su una frequenza specifica, la frequenza operativa. La scelta della corretta frequenza operativa è un aspetto cruciale nell’utilizzo dei sistemi radio. Non si possono usare in contemporanea combinazioni di frequenze RF scelte a caso, perché le frequenze stesse potrebbero creare interferenze tra loro ed ogni sistema potrebbe subire disturbi e/o perdite di segnale.

Non è possibile utilizzare due sistemi radio sulla stessa frequenza nella stessa venue. Non è neppure possibile usare due trasmettitori con un singolo ricevitore contemporaneamente. I sistemi più avanzati offrono una scelta più ampia di frequenze, un’elevata flessibilità e la possibilità di utilizzare in combinazione più trasmettitori e ricevitori.

Per rendere più semplice l’utilizzo dei radiomicrofoni, i sistemi Shure sono disponibili con gruppi di frequenze pre-configurate per far spazio a utenti multipli. Inoltre, diversi sistemi radiomicrofonici Shure sono in grado di scansionare l’ambiente automaticamente per trovare le frequenze libere.


    Articolo Successivo >>
Come si trova il radiomicrofono giusto?

 

Sistemi Radiomicrofonici per Performer

PG Sistemi radiomicrofonici
SM Sistemi Radiomicrofonici
Beta Sistemi Radiomicrofonici

Video: Radiomicrofoni Analogici e Digitali PG, SM e Beta

Get Flash to see this player.