Posizionamento del Microfono: Strumenti Amplificati

Un altro “strumento” con una vasta gamma di caratteristiche è l’altoparlante. Quando si registrano il diffusore della chitarra e del basso elettrico, si deve affrontare la natura acustica degli altoparlanti. Un singolo altoparlante è direttivo e manifesta diverse caratteristiche per quanto riguarda le frequenze dipendenti dalla distanza e dall’angolo di ripresa.

La ripresa in asse con il centro del cono tende a riprendere più attacco, mentre il posizionamento fuori asse o al bordo produce un suono più pastoso. Una cassa con altoparlanti multipli presenta una diffusione ancora più complessa, in particolare se impiega diversi trasduttori per le frequenze alte e basse. Come per la maggior parte degli strumenti acustici, il suono desiderato si manifesta ad una certa distanza dall’altoparlante.

L’approccio più comune è di riprendere da vicino un singolo altoparlante. Questa pratica a abituale per chi lavora o chi ha esperienza nel suono dal vivo. Nell’ambiente della musica dal vivo, la maggior parte delle sorgenti viene ripresa in modo ravvicinato per massimizzare il rapporto tra il suono diretto e il suono ambientale. Usare i microfoni unidirezionali per la ripresa ravvicinata riduce la ripresa del suono fuori asse ulteriormente. Queste pratiche comportano una riduzione della suscettibilità al feedback. Nell’ambiente della registrazione, il diffusore può essere isolato e ripreso con le tecniche di microfonaggio da distanza per catturare un suono più caratteristico. Utilizzando un microfono ravvicinato ed uno distante (più di un metro) simultaneamente, è possibile registrare un suono con un bilanciamento regolabile tra “presenza” e “ambiente”.

Il posizionamento dei diffusori può avere un effetto significativo sul suono. Situare le casse su tappeti o moquette può rendere il suono meno brillante, mentre alzarle dal pavimento può ridurre le basse frequenze. I diffusori con il posteriore aperto si possono riprendere da dietro o da davanti. La distanza tra il diffusore e il muro o altri oggetti può cambiare il suono. Spostare lo strumento e il microfono finché non si ottiene il suono soddisfacente.




Maggiori informazioni sul posizionamento dei microfoni ai numeri corrispondenti nella tabella sotto.




Chitarra Elettrica

Posizionamento del Microfono Equilibrio Tonale Commenti
1.) 10 cm dalla tela o griglia, al centro del cono di un altoparlante Naturale, ben equilibrato Una base per microfono da tavolo può servire quando l’altoparlante è vicino al pavimento.
2.) 2,5 cm dalla tela o griglia, al centro del cono di un altoparlante Frequenze basse enfatizzate Minimizza il feedback e il rientro di altre sorgenti.
3.) Decentrato rispetto al cono Opaco o pastoso Un microfono molto vicino al bordo dell’altoparlante riprende un suono più opaco. Riduce la ripresa del rumore di fondo dell’amplificatore.
4.) 1 m davanti al centro del cono di un altoparlante Sottile o nasale con basse frequenze ridotte Riprende più il suono dell’ambiente ma permette il rientro di altre sorgenti.
3 & 4.) Buona tecnica per due microfoni Naturale Usare un microfono a condensatore per la posizione 4 – regolare la distanza tra i due microfoni per minimizzare i problemi di sfasamento.
Con un microfono miniaturizzato appeso sul cabinet davanti all’altoparlante. Enfatizza le frequenze medie Facile da implementare, minimizza il rientro di altre sorgenti.
Con un microfono dietro una cassa con fondo aperto Dipende dal posizionamento Può essere usato insieme ad un microfono davanti al diffusore, ma bisogna fare attenzione alle cancellazioni dovute allo sfasamento.

 

Basso Elettrico

Se il diffusore utilizza un unico altoparlante, con un singolo microfono si dovrebbe riuscire a riprendere un suono idoneo con poca sperimentazione. Se il diffusore incorpora altoparlanti multipli dello stesso tipo, è di solito più facile posizionare il microfono per riprendere un singolo altoparlante.

Situare il microfono tra gli altoparlanti può risultare in forti effetti di sfasamento, ma questo potrebbe essere anche utile per ottenere un tono particolare. Invece, se il diffusore è stereo o utilizza trasduttori diversi per le frequenze basse e quelle alte, potrebbe richiedere l’uso di microfoni multipli.


 

Amplificatore per Tastiera

Posizionamento del Microfono Equilibrio Tonale Commenti
Orientare il microfono verso l’altoparlante come descritto nella sezione della chitarra elettrica Dipende dal tipo di tastiera Attenuare le basse frequenze per nitidezza, attenuare le frequenze alte per minimizzare la ripresa del rumore di fondo dell’amplificatore.

 

Diffusore Organo Leslie

Posizionamento del Microfono Equilibrio Tonale Commenti
Puntare un microfono verso l’interno delle aperture per l’altoparlante superiore, ad una distanza che può variare tra i 7 cm e 30 cm. Naturale, mancano i bassi profondi Buon posizionamento per l’utilizzo di un singolo microfono.
Puntare un microfono verso le aperture per l’altoparlante superiore e un altro verso l’uscita dell’altoparlante per i bassi, ad una distanza che può variare tra i 7 cm e 30 cm. Naturale, ben equilibrato Suono complessivo eccellente.
Utilizzare due microfoni per l’altoparlante rotante superiore, uno su ogni lato. Questi due canali dovrebbero essere indirizzati con il pan a destra e a sinistra nel mix. Puntare un singolo microfono verso l’uscita della guida d’onda rotante per i bassi, e mandare questo segnale al centro nel mix. I microfoni si possono posizionare ad una distanza che può variare tra i 7 cm e 30 cm. Naturale, ben equilibrato Effetto stereofonico.